Fatti di rilievo avvenuti nell'anno

Gennaio

Il 13 gennaio 2011 Pirelli ha ceduto la partecipazione detenuta in CyOptics Inc. (34,4%) per un controvalore di 23,5 milioni di dollari USA, corrispondente al valore di carico nel bilancio al 31 dicembre 2010.

Febbraio

Il 10 febbraio 2011 Pirelli ha concluso il collocamento presso investitori istituzionali internazionali di un prestito obbligazionario, unrated, sul mercato Eurobond per un importo nominale complessivo di 500 milioni di euro con cedola del 5,125% e scadenza febbraio 2016. Il collocamento rientrava fra le azioni di ottimizzazione della struttura dell’indebitamento, attraverso l’allungamento della durata media del debito e la diversificazione delle fonti di finanziamento. Il prestito, che ha registrato una richiesta pari a oltre 9 volte l’offerta, è stato collocato per il 93% presso investitori esteri.

Marzo

Il 29 marzo 2011 Pirelli ha presentato Cinturato P1, il pneumatico “green” ad altissima tecnologia studiato per le piccole e medie vetture, in grado di garantire riduzioni dei consumi, rispetto per l’ambiente e prestazioni su asciutto e bagnato. Cinturato P1 è stato scelto in primo equipaggiamento da BMW anche in versione “runflat”. Cinturato P1 rinnova la gamma “green” di Pirelli, inaugurata quattro anni fa con il Cinturato P4 e P6, per le citycar e le auto medie, e successivamente arricchita dal Cinturato P7, per le vetture di media/alta cilindrata.

Aprile

Il 21 aprile 2011 l’Assemblea di Pirelli, in sede ordinaria, ha deliberato la distribuzione di un dividendo di 0,165 euro per azione ordinaria e 0,229 euro per azione di risparmio. L’Assemblea ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione per i tre esercizi (fino all’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2013) determinandone in 20 il numero dei componenti. Il Consiglio è composto in maggioranza (11 amministratori) da amministratori indipendenti.

L’Assemblea, in sede straordinaria, ha deliberato la riduzione volontaria del capitale sociale per un importo pari a 32.498.345,12 euro, ai sensi dell’articolo 2445 del codice civile, da imputare a patrimonio netto. Tale riduzione era volta al completamento dell’operazione di assegnazione di azioni Prelios S.p.A. (già Pirelli RE S.p.A.) effettuata nel corso dell’esercizio 2010 e non ha comportato alcun decremento del patrimonio sociale. L’importo della riduzione è stato destinato a patrimonio netto azzerando la riserva negativa generatasi in occasione della conclusione dell’operazione di assegnazione. La riduzione si è perfezionata nel mese di agosto.

Luglio

Il 5 luglio 2011 Pirelli, per rafforzare il business in Cina, ha acquistato dal socio minoritario una quota del 15% di Pirelli Tyre Co Ltd. per un controvalore di 256 milioni di remimbi, pari a circa 28 milioni di euro. La partecipazione detenuta da Pirelli è pertanto cresciuta al 90% dal precedente 75%.

Il 7 luglio 2011 Pirelli Ambiente, attraverso la controllata Solar Utility S.p.A., è entrata con una quota del 16,9% nella compagine azionaria di GWM Renewable Energy II S.p.A., veicolo che controlla le attività nelle energie rinnovabili del gruppo GWM. L’ingresso da parte di Solar Utility è avvenuto a fronte di un investimento complessivo di circa 25 milioni di euro, in parte effettuato grazie al ricavato della vendita della propria partecipazione in GP Energia S.p.A., joint venture costituita lo scorso anno con la stessa GWM Renewable Energy in cui Solar Utility aveva conferito le proprie attività nel fotovoltaico. L’accordo, che si inserisce nel progetto di semplificazione delle partecipazioni di Pirelli Ambiente, consente a quest’ultima di partecipare a un progetto di portata internazionale nel settore delle energie rinnovabili.

Il 25 luglio 2011 Pirelli, Russian Technologies e Sibur Holding hanno firmato un accordo che individua gli asset da trasferire alla joint venture tra Pirelli e Russian Technologies. In linea con quanto previsto dal “Memorandum of Understanding” (MOU) sottoscritto il 26 novembre 2010, la joint venture sarà il veicolo primario per la gestione delle attività riconvertibili a standard Pirelli nel settore car e light truck in Russia. L’accordo riguarda due siti produttivi che porteranno la joint venture a una produzione di circa 11 milioni di pezzi entro il 2014 per un corrispettivo complessivo di 222 milioni di euro, con un impegno ripartito pro-quota tra i partner e un esborso di 55 milioni di euro nel 2011 e di 167 milioni di euro nel 2012. Il prodotto a brand Pirelli potrà raggiungere il 50% della capacità installata e il prodotto di riferimento della joint venture saranno gli pneumatici winter per il mercato replacement, in particolare la linea “studdable” per soddisfare la domanda del mercato russo e dell’area CIS. La quota di mercato nel segmento Premium che deterrà la joint venture sarà circa del 20%. Il fatturato previsto per la joint venture è di circa 300 milioni di euro nel 2012, con una crescita a oltre 500 milioni di euro al 2014, anche grazie a investimenti in riqualificazione e incremento della capacità produttiva per circa 200 milioni di euro nel periodo 2012-2014. Superata la fase di start up, la redditività è attesa in crescita con un margine Ebit del 14%/15% nel 2014, anno in cui si prevede una generazione di cassa positiva. Nell'ambito degli accordi relativi alla joint venture tra Russian Technologies e Pirelli si prevede che quest'ultima possa incrementare la sua quota di partecipazione dal 50% al 75% con un meccanismo di "put and call" option a tre anni. La joint venture verrà consolidata da Pirelli dal momento dell’acquisizione anche in virtù della presenza di un accordo di gestione tra i soci.

Agosto

Il 30 agosto 2011 Pirelli ha inaugurato l’ampliamento della fabbrica di pneumatici di Slatina, in Romania. Tra il 2005 e il 2010 nel polo industriale, composto a Slatina da una fabbrica di pneumatici per vettura e da uno stabilimento per la produzione di ‘steelcord’ e a Bumbesti Jiu-Gorj da uno stabilimento per la produzione di filtri antiparticolato per motori diesel, Pirelli ha già investito 300 milioni di euro: cifra che salirà oltre i 450 milioni di euro al 2014. Nell'ambito di tali investimenti, 160 milioni di euro sono stati destinati al progetto di ampliamento della fabbrica di pneumatici - che si concluderà nel 2013 - con l’obiettivo di incrementarne la capacità produttiva e migliorare la competitività complessiva dell’assetto industriale europeo di Pirelli.

Grazie agli investimenti aggiuntivi la fabbrica di pneumatici per vettura di Slatina vedrà la propria produzione annuale passare dai 7 milioni di pezzi di fine 2011 a oltre 10 milioni alla fine del progetto. La fabbrica di pneumatici di Slatina diventerà la più grande fabbrica vettura del Gruppo Pirelli.

Settembre

L’8 settembre 2011, Pirelli ha presentato PZero Silver, il primo pneumatico stradale derivato dalla Formula 1, di cui Pirelli è fornitore esclusivo per il triennio 2011-2013. Il nuovo pneumatico è il frutto delle esperienze tecnologiche maturate nei Gran Premi.

Il 16 settembre 2011, in occasione dei 100 anni di attività nel settore truck, a Izmit, in Turchia, Pirelli ha presentato tre nuove linee di pneumatici ideati rispettivamente per l’impiego in condizioni invernali critiche, per il trasporto a lunga percorrenza e per i mezzi da cantiere. I nuovi pneumatici, che completano la Serie 01, sfruttano la tecnologia brevettata SATT di ultima generazione. In Turchia, Pirelli è presente con il polo industriale più grande del gruppo, specializzato oltre che nella produzione di gomme per veicoli mediopesanti anche in quelle per autovettura e per motorsport e nella produzione di cordicella metallica. La Turchia, uno dei Paesi più importanti per la divisione Truck Pirelli, rappresenta uno dei Paesi che hanno dato il maggiore contributo all’affermazione sui mercati internazionali della ‘P Lunga’ nel settore dell’autotrasporto.

Il 20 settembre 2011, è stato inaugurato a Milano “Pirelli Corso Venezia”, il primo flagship store Pirelli PZero, progettato dall’architetto Renato Montagner, direttore creativo delle collezioni PZero. Un progetto a sostegno del core business Pirelli, che punta al segmento premium e prestige, e che condivide con gli pneumatici prodotti dalla società il costante impegno nella ricerca, nell’innovazione e nella tecnologia.

Ottobre

Il 13 ottobre 2011, nel corso di un incontro a Buenos Aires con il Presidente argentino Cristina Fernández de Kirchner e il Ministro dell'Industria, Débora Giorgi, Pirelli ha illustrato un progetto di rafforzamento in Argentina, con un nuovo stabilimento di pneumatici radiali Truck che punta a ribilanciare la presenza della società in Sudamerica. Il progetto, ancora in fase di valutazione, prevede investimenti per circa 300 milioni di dollari, destinati a una prima fase di sviluppo da concludersi entro il 2014. Tali investimenti rientrano in quelli complessivi per il segmento Industrial comunicati al mercato lo scorso anno in occasione della presentazione del Piano Industriale.

Il 28 ottobre 2011 Pirelli ha annunciato il lancio di un programma Level 1 American Depositary Receipt (ADR) per il mercato degli Stati Uniti, nominando JPMorgan banca depositaria per la gestione degli ADR. Il lancio del programma, operativo dal 2 novembre 2011, risponde all'obiettivo di Pirelli di diversificare l’azionariato attraendo un maggior numero di investitori americani. Ad ogni ADR Pirelli (CUSIP 724256201) corrisponde un’azione ordinaria Pirelli & C. S.p.A. negoziata alla Borsa di Milano.

Novembre

Il 7 novembre 2011, Pirelli e il Politecnico di Milano hanno firmato l’accordo JOINT LABS, finalizzato alla ricerca e alla formazione nel settore dello pneumatico.
L’accordo, di durata triennale (2011-2014), si concentra su tre aree di ricerca: il pneumatico di Formula 1, i materiali innovativi e il pneumatico intelligente (Cyber Tyre). L’accordo prevede inoltre attività di formazione concentrate principalmente in Brasile, Cina e Messico.

L’8 novembre 2011 il Consiglio di Amministrazione di Pirelli & C. S.p.A. ha approvato il Piano Industriale con visione 2015 e aggiornamento target 2012-2014. Obiettivo di Pirelli è la conquista della leadership mondiale nel segmento Premium nel 2015, a conferma della strategia di focalizzazione già delineata nel 2010. I target fissati per l’arco del piano, prevedono nel 2012 ricavi consolidati pari a circa 6,7 miliardi di euro, con una crescita del 16% (+10% escluso il progetto Russia), e un margine Ebit tra l’11% e il 12%. Nel 2014 i ricavi sono stimati in 7,7 miliardi di euro, con un margine Ebit tra il 15% e il 16%.

Il 16 novembre 2011 il prof. Francesco Profumo ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di Consigliere di Amministrazione della Società a seguito dell’assunzione della carica di Ministro della Repubblica Italiana.

Dicembre

Il 14 dicembre 2011, in linea con quanto previsto dall’accordo siglato il 25 luglio 2011 tra Sibur Holding, Pirelli e Russian Technologies, è stato finalizzato il trasferimento dell’impianto di Kirov con capacità produttiva di circa 7 milioni di pezzi da Sibur Holding alla joint venture costituita tra Pirelli e Russian Technologies.

Il 16 dicembre 2011 il dott. Enrico Tommaso Cucchiani ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di Consigliere di Amministrazione della società a seguito della sua nomina alla carica di Amministratore Delegato di Intesa SanPaolo.

Il 23 dicembre 2011 Pirelli ha acquisito dal Gruppo Camfin il 49% di Pirelli & C. Ambiente S.p.A., società operante nei settori dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile, e di Pirelli & C. Eco Technology S.p.A., società specializzata nella produzione di filtri antiparticolato e combustibile a basso impatto ambientale. Con il perfezionamento dell’operazione, Pirelli è divenuto unico socio delle due società (già integralmente consolidate nel proprio bilancio). Il trasferimento delle due partecipazioni è avvenuto a fronte di un esborso complessivo da parte di Pirelli di circa 7 milioni di euro. Le valutazioni delle due partecipazioni sono avvenute con l’ausilio di due primarie banche d’affari, compiute sulla base dei piani industriali 2012-2014 approvati dalle società. Il trasferimento delle due partecipazioni era già previsto dagli accordi parasociali tra Pirelli e Camfin quali azionisti delle due società, in scadenza a giugno 2012.

Il 28 dicembre 2011 Pirelli ha rinnovato fino a luglio 2017 il finanziamento in favore di Prelios S.p.A. (già Pirelli RE S.p.A.). Il finanziamento è pari a 160 milioni di euro (in aumento di 10 milioni di euro rispetto ai 150 milioni di euro precedenti) e prevede il rimborso integrale a scadenza. Il rinnovo è avvenuto in esecuzione degli impegni assunti nel 2010 da Pirelli & C. S.p.A. nei confronti delle banche finanziatrici di Pirelli RE S.p.A.(oggi Prelios S.p.A.) al fine di ottenere le necessarie autorizzazioni da parte delle stesse per dare corso all’operazione di separazione di Pirelli RE dal Gruppo Pirelli.